In funzione l'incubatoio per la trota marmorata a Ghiglieri

Nel Comune di Locana (TO) presso la frazione Ghiglieri nel Vallone di Piantonetto, è situato l’incubatoio del Parco Nazionale Gran Paradiso, dedicato alla Trota marmorata (Salmo marmoratus), specie sensibile e di elevato valore conservazionistico ormai scomparsa da molti corsi d’acqua. La struttura nasce nell’ambito dell’azione C.3 del progetto Life+ Bioaquae e la sua realizzazione rappresenta uno dei punti fondamentali dell’intervento di tutela dedicato a questo raro salmonide autoctono.

 

 

Perché conservare la specie

La Trota marmorata (Salmo marmoratus) possiede un areale di distribuzione poco esteso ( il Po, i suoi affluenti di sinistra e i fiumi del versante adriatico della Slovenia e Dalmazia) e in larga parte sovrapponibile ad aree fortemente antropizzate. Negli ultimi secoli e in maniera particolare dal secondo dopoguerra in poi, l’intervento umano è stato infatti fonte di contrazione e frammentazione delle sue popolazioni, principalmente a causa dell’alterazione dell’habitat derivata, del prelievo indiscriminato e delle diffuse semine effettuate a sostegno della pesca sportiva con adulti e novellame di Trota fario (Salmo trutta), pratica questa che porta al contatto forzato e all’ibridazione fra i due Salmonidi praticamente ovunque.

un ibrido di marmorata con fario

Per queste ragioni la Trota marmorata si può considerare una specie altamente vulnerabile ed è elencata nell’Appendice II della Direttiva 92/43 CEE “Habitat”. L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), attraverso la Lista Rossa italiana (2013), ha inserito il salmonide nella categoria di minaccia più elevata, ossia In Pericolo Critico (CR, Critically Endangered). Appare chiara dunque la necessità di attribuire un’alta priorità a un’eventuale azione di conservazione, perseguibile, laddove possibile, anche tramite concrete azioni di salvaguardia volte a tamponare o eliminare le minacce esistenti e a incrementarne le popolazioni.

un esemplare di marmorata

In questo senso il Progetto Life+ Bioaquae attraverso la sua azione di conservazione in favore della Trota marmorata, si concretizza mediante la messa in funzione di un incubatoio ittico per la produzione di novellame di Trota marmorata e la rimozione della fauna ittica alloctona da alcuni tratti dei torrenti Campiglia (Val Soana) e Piantonetto (Valle Orco). Saranno queste le acque che entro i confini del Parco ospiteranno le popolazioni di Trota marmorata provenienti dall’incubatoio di Piantonetto. Questi siti avranno la funzione di conservare la specie in un contesto di assoluta salvaguardia e protezione mentre alcune problematiche di conservazione del salmonide saranno indagate attraverso il periodico monitoraggio delle sue popolazioni.

L’incubatoio

L’incubatoio del Parco Nazionale Gran Paradiso rientra nella categoria di “Incubatoio ittico di valle”, definizione che lega le attività ittiogeniche svolte nell’impianto alla valle e al bacino idrografico in cui è inserita la struttura. Un incubatoio ittico non è però da confondersi con un allevamento ittico! Lo scopo commerciale non è contemplato e la sua unica funzione è quella di sostenere le popolazioni di fauna ittica autoctona presenti sul territorio mediante la riproduzione artificiale e la diffusione in natura della specie allevata.

L’incubatoio ittico di valle del Piantonetto, è situato quindi a ridosso del Torrente Piantonetto, corso d’acqua compreso nel bacino idrografico del Torrente Orco, di cui è affluente di sinistra dopo aver percorso l’ultimo tratto scandito da profonde buche e salti imponenti modellati e scavati a fasi alterne dagli eventi geologici, dal ghiaccio e dall’acqua. Oltre al Torrente Piantonetto, in Valle Soana troviamo gli altri due corsi d’acqua coinvolti nel progetto Life+ Bioaquae: il Torrente Campiglia e il Torrente Forzo, entrambi affluenti del Torrente Soana, tributario come il Piantonetto del Torrente Orco.  

L’impianto di Ghiglieri è composto da due porzioni: la parte interna è destinata all’incubazione delle uova e all’accrescimento degli avannotti mentre la parte esterna è destinata alla stabulazione e all’accrescimento degli individui di Trota marmorata da destinare al ruolo di riproduttore. L’incubatoio svolgerà anche una funzione didattica affrontando tematiche connesse alla conservazione e al miglioramento degli habitat acquatici in generale. L’incubatoio riceve l’acqua direttamente dal troppo pieno dell’acquedotto e questa soluzione garantisce acqua praticamente pura e un utilizzo sostenibile delle risorse idriche. L’acqua in uscita dall’impianto viene riversata nel Torrente Piantonetto dopo aver alimentato un piccolo stagno didattico scavato per favorire la presenza degli Anfibi.

l'area circostante l'incubatoio ittico

La riproduzione artificiale di una specie ittica di interesse conservazionistico in molti casi risulta utile per la sua salvaguardia potendosi allevare nei Pesci anche un numero elevato di individui; si riporta per la Trota marmorata una produzione variabile fra le 1.500 – 2.500 uova per kilogrammo di peso.

Le piccolissime larve di Trota marmorata, che in questa fase hanno raggiunto la lunghezza di circa 1.5 centimetri, saranno nutrite con Artemia salina, un crostaceo acquatico dalle dimensioni compatibili con la bocca delle giovani trote. Questi organismi zooplanctonici saranno anch’essi allevati presso l’incubatoio di Ghiglieri in appositi schiuditori: l’Artemia salina è originaria di zone di acqua salmastra e le sue piccole uova una volta idratate e mantenute alla giusta temperatura schiudono. Le artemie una volta separate dai gusci verranno raccolte per poi essere somministrate ai pesci in accrescimento.

Questa tipologia di prima alimentazione risulta essere quella corretta in quanto la mortalità delle larve di trota marmorata risulta minore rispetto a quella constatata con diete differenti e l’alimento vivo, essendo mobile, può garantire una prima interazione con la predazione, istinto fondamentale che potrà garantire loro la sopravvivenza nell’ambiente in cui presto saranno destinate: il torrente.

Follow us on

FacebookTwitter